Animani 2 (1980)

 

Sala 14

Giochi di piazza

 

 

Nel 1980 avvia il lavoro pittorico sulle mani "Animani", anticipato dal progetto di scenografia per lo spettacolo de Il Carnevale degli animali (1973) mai andato in scena, dove compare l’immagine di una mano dipinta da elefante proiettata sopra al palcoscenico, e dal progetto grafico per il manifesto della rassegna Firenze Cinema. Cinema for Unicef (1979), in cui cui compare un bambino con la mano dipinta da pulcino. Contestualmente progetta e organizza un articolato programma di eventi per il Comune di Firenze in Piazza S. Spirito. Per l’intera estate la piazza è "ribattezzata" Piazza della Palla (*), gioco verbale ispirato dalla presenza di “palle” sullo stemma dei Medici, di cui ricorrono le celebrazioni in città, e dal divieto storico al “giocho delle pallottole in tutta questa piazza” scolpitovi a parete nel 1639. L’iniziativa è suddivisa in diverse fasi: “gioco”, il cui simbolo è rappresentato dalla "palla", con un invito alla cittadinanza a riappropriarsi del “campo” e intrattenervisi (nel catalogo pubblicato da Alinari nel 1981 Mariotti associa il "gioco" alla Dama di Bacco); "scena", rappresentata dalla piazza come "luogo teatrale costante", con un palco per spettacoli pubblici che riproduce lo stemma mediceo tagliato in due parti e collocato alle estremità della piazza (in catalogo la "scena" è accompagnata da riproduzioni del suo Teatro);